Copertino (Le): semel in anno … Propheta in patria!

Copertino (Le): semel in anno … Propheta in patria!

fernando greco medico neonatologo critico musicale melomane leccedi Fernando Greco

 

 

La splendida cornice del Castello di Copertino ospiterà anche quest’anno il Festival Internazionale delle Arti che, giunto alla quarta edizione, darà spazio come sempre a personalità artistiche nate nel Salento, ma divenute autentiche celebrità internazionali. E’ il caso in primis del tenore Salvatore Cordella, copertinese di nascita, terzo tenore leccese dopo Tito Schipa e Franco Perulli ad aver calcato da solista il prestigioso Salvatore Cordella - Giacinta Nicotrapalcoscenico del Metropolitan di New York (Leicester nella “Maria Stuarda” di Donizetti nel 2013 e Nemorino nell’”Elisir d’amore” del 2014). Cordella tornerà a Copertino per il quarto anno consecutivo nelle vesti di cantante e anche di direttore artistico, in coppia con il popolare maestro Peppe Vessicchio.

Quattro gli appuntamenti.

Si partirà sabato 11 Luglio (ore 21,00) con Night of Dreams, Gran Galà Lirico – Il Belcanto nel Belpaese. Una serata in cui si viaggerà in tra il sacro ed il profano, tra la farsa giocosa ed il misticismo più elevato, tra un esaltato virtuosismo ad una più riflessiva commozione. La splendida voce di Salvatore Cordella sarà affiancata da quelle del soprano Antonella ColaianniGiacinta Nicotra, del baritono Marco Severin nonché del mezzosoprano Antonella Colaianni , giovane stella del firmamento lirico che, originaria di Matino, sta riscuotendo da alcuni anni successi a livello nazionale e internazionale (la ricordiamo protagonista nell’”Orfeo ed Euridice” di Gluck rappresentato a Lecce nel 2014). I quattro solisti interpreteranno arie tratte dal repertorio di Bizet, Puccini, Donizetti e Verdi. La serata sarà condotta dall’attore Andrea Rizzoli e vedrà anche l’assegnazione del Premio Germogli d’Arte vinto nella scorsa edizione dal tenore salentino Giuseppe Tommaso, e quest’anno conferito a due giovani artisti emergenti: il soprano Shin Siu e il basso Antonio Di Matteo. Accompagneranno le splendide voci i musicisti del Sesto Armonico Ensemble diretti da Sergio La Stella, presente anche come pianista, e il visual – artist Hermes Mangialardo.

 

Il 14 Luglio (ore 21,00), secondo appuntamento del Festival, vedrà la messa in scena dello spettacolo teatrale “Sakara” di Donato Chiarello, interpretato dalla Compagnia Teatrale La Calandra (Attori: Donato Chiarello, Ester De Vitis, Antonio Giuri – Regia di Giuseppe Miggiano). La rappresentazione teatrale sarà preceduta da una breve riflessione sui problemi ambientali in lingua grika “Loja j’agapi tis glossama cau sta steria” (trad. Parole per amore della nostra lingua sotto le stelle) tenuta da Luigi Tommasi e Giuseppe De Pascalis. A seguire intervento musicale dei Khaossia, etno – ensemble salentina.

 

Mercoledì 15 Luglio (ore 19,30) sarà poi la volta della Conferenza in Arte: Cantaci Albero, durante la quale interverranno: Angelo Licci, medico esperto in etno – omeopatia; Angela Serafino, arte-terapeuta; Salvatore Colazzo, Preside della Facoltà di Scienze della Formazione, Scienze Politiche e Sociali dell’Università del Salento; Johan Linton, architetto designer ed il Maestro Peppe Vessicchio, co direttore artistico del Festival. La Conferenza in Arte sarà preceduta dalla consegna del Premio Internazionale delle Arti al maestro Scipione Sangiovanni, altro eccellente musicista di origine salentina, mPeppe Vessicchioentre in un contesto scenografico essenziale verranno rappresentate le tipicità eno-agro-gastronomiche e artigianali della Terra di Puglia, in accordo con il tema delle quattro stagioni, ed in particolar modo della stagionalità. Al termine della Conferenza in Arte (ore 21,00), lo spettacolo “Stagioni a confronto” esecuzione de “Le quattro stagioni” di A. Vivaldi nelle originali trascrizioni per  pianoforte solo di Scipione Sangiovanni e per Salvatore Cordellaquartetto d’archi e fisarmonica di Peppe Vessicchio (prima esecuzione mondiale).

 

Salvatore Cordella tornerà sabato 18 luglio (ore 21,00) per chiudere il festival in bellezza con lo spettacolo “Lettere da Napoli”, serata dedicata alla storia della Canzone Napoletana. Musiche di Denza, De Leva, Costa e Di Capua per voci, legni, plettri, archi e percussioni. Accanto a Cordella, ancora il soprano Giacinta Nicotra e le voci di Emanuela Loffredo e di Francesco Castiglia, accompagnati dal Sesto Armonico Ensemble. Arrangiamenti a cura di Peppe Vessicchio, Maurizio Pica e Pino Perris.

 

BIGLIETTI E PREVENDITA presso ANTIQUA CAFÈ (via Cosimo Mariano n. 4, Copertino) e LIBRI E MUSICA di INDINO DORIANA (via Indipendenza n.1, Maglie. Tel. 0836 485642).

 

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
Facebook6k
Twitter3k
YouTube273