Autore: Ivan the mad

Giornalista e scrittrice salentina

// La presa in giro del Frecciarossa

// La presa in giro del Frecciarossa

di Ivan the Mad (aka Francesco Ria) Ho appena finito di leggere il festante articolo di un quotidiano online del Salento riguardante la prima corsa del Frecciarossa Milano-Lecce e viceversa. Poco più di otto ore in tutto. Costo del biglietto in seconda classe 124 euro, salvo eccezioni per i pochi fortunati che riescono ad accaparrarsi…
Leggi tutto

Quella “cosa” del Terra rossa. Nella Lecce monarchica

Quella “cosa” del Terra rossa. Nella Lecce monarchica

La foto del Sindaco Paolo Perrone di fronte al muro del Santuario di San Filippo Smaldone appena deturpato da qualche imbecille, ricorda molto quella dei baroni del secolo scorso sulle mura delle masserie, protetti dalle doppiette dei massari, mentre ammirano schiere di cafoni morire di lavoro nei campi. Immagini di apparente coraggio. Che di certo…
Leggi tutto

Storia for dummies

Storia for dummies

Ho comprato un libro sulla storia Americana. Ovviamente for dummies. Dopo poche righe sui flussi migratori preistorici e sulle passeggiate vichinghe avvenute intorno all’anno ‘900, si passa a Cristoforo Colombo. E la considerazione preliminare mi colpisce: in seguito all’arrivo degli europei, le popolazioni pellerossa furono sterminate con le armi o dalle malattie. Senza giri di…
Leggi tutto

Funeral Party

Funeral Party

Quello che segue vuole essere semplicemente un racconto. Di un’esperienza nuova che mi sta facendo riflettere. Sarebbe troppo impudente entrare eccessivamente nel merito. Passano a prendermi alcuni amici lo scorso sabato pomeriggio. Andiamo a casa di gente che non conosco. Entriamo: delirio tipo festa universitaria. Gente che beve sul divano, dalla cucina escono pizze surgelate…
Leggi tutto

Aria di Natale

Aria di Natale

…e venne finalmente Natale. Innanzitutto è una festa come tante altre. Molta gente preferisce tornare al paese di origine per il Ringraziamento, piuttosto che per il Natale. Ci sono tante religioni diverse e, con una sorta di rispetto che ricorda molto quello dei latini, si tende a non enfatizzare nessune festività e a gioire di…
Leggi tutto

Bye bye Italia

Bye bye Italia

E anche oggi abbiamo ricevuto la presa in giro quotidiana. Radiologa, 32 anni, cilena, al Duke University Medical Center come visiting scholar. Prendiamo un caffè e parliamo del più e del meno quando ad un certo punto le chiedo: “Quindi, se al termine del tuo progetto ti offriranno di rimanere qui, ovviamente accetterai?!”. La mia…
Leggi tutto

America caput mundi

America caput mundi

di Ivan the mad Giornata bellissima ieri. Ogni lunedì la International House dell’università organizza incontri di scambio culturale tra gli studenti e i ricercatori proventienti dall’estero. Oltre a me, italiano, eravamo due ingegneri dalla Cina, una linguista dagli Stati Uniti, una radiologa dal Cile, una biochimica da Israele e un ingegnere dall’Iran. Quando l’israeliana e…
Leggi tutto

Conference call. C’è chi può e chi no

Conference call. C’è chi può e chi no

di Ivan the mad Stamattina call conference con gli sviluppatori di un importante prodotto sanitario di una delle maggiori multinazionali del settore biomedicale. Gente collegata dall’Europa e dagli Stati Uniti. Il mio professore ha voluto quattro di noi assieme a lui. Perché siamo quelli che lavoreremo con questo prodotto. Io, 33 anni, mi sentivo un…
Leggi tutto

Tacchino? Ponte di pace. Ma meglio le polpette

Tacchino? Ponte di pace. Ma meglio le polpette

Qual è stata la conclusione di tanti illustri politici nell’analizzare gli attentati parigini? Colpa degli immigrati. Teste di cavolo ignoranti che non sono mai uscite dal loro bar. Ma cosa ne sapete di cosa significhi lasciare la propria terra? I propri amici. Gli affetti. I sapori. Gli odori e i colori. Cosa ne sapete di…
Leggi tutto

Ivan il matto. A stelle e strisce

Ivan il matto. A stelle e strisce

Lo ricordate Ivan il matto? La rubrica curata da Francesco Ria che sul Tacco d’Italia regalava amenità e profondissime riflessioni esistenziali ad alto tasso alcolico. Ora Ivan s’è trasferito in America, ma un pezzetto del cuore di Francesco è rimasto qui, in Italia, incrostato di salsedine e di scirocco, unto d’olio d’oliva e sporco di…
Leggi tutto

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!